Take a fresh look at your lifestyle.

Oggi piove e la pioggia mi insegna qualcosa

0
Passeggio con l’ombrello cercando di evitare le pozzanghere e, a un certo punto, arrivo sotto un riparo. Faccio per abbassare l’ombrello e penso: non serve a nulla. Fra 10, 15 passi sarò di nuovo sotto l’acqua, perché lo abbasso? Il peso e il disagio nel portarlo sono gli stessi.

Perché abbassiamo l’ombrello? A cosa può mai servire? Lo facciamo per noi?
Mi concentro su me stesso e penso alle mie motivazioni. Eh si, a ben vedere lo abbasso perché penso che poi gli altri mi giudichino. Perché in effetti può sembrare stupido usare l’ombrello al chiuso o comunque dove non piove in quel momento.
Ma noi possiamo sapere cosa pensano gli altri? Beh difficile o comunque io non sono capace e non conosco nessuno che sappia farlo. Allora l’unica spiegazione è che sono io a pensarlo e, in qualche modo, questa cosa mi colpisce e mi condiziona perché mi sento giudicare. Ergo, io giudico e proietto sugli altri il mio modo di pensare.
Questa piccola riflessione mi ha fa ragionare su due aspetti.
Il primo ha a che fare con la differenza tra l’essere guidati da fattori esterni o interni. Oggi, in questo caso, ricado pienamente nella prima ipotesi. Infatti mi rendo conto che l’essere osservato da qualcuno mi condiziona, mi pongo un problema e voglio evitare la conseguenza di essere giudicato in modo negativo. Mi faccio soggiogare da ciò che viene fuori ma ormai dovrei sapere che questa, nella vita, non è una strategia vincente!
Quindi se solo l’interno mi muovesse, se mi sentissi veramente responsabile, sicuro di me e padrone delle mie emozioni, non mi porrei il problema, terrei l’ombrello ben sollevato, proprio come un attimo prima, con la stessa fierezza e determinazione. Che m’importa del giudizio degli altri?
No, per quanto importante credo che non basti e con questo arriviamo al secondo aspetto. Per quanto io condivida che la sicurezza in noi stessi emani da uno stato di grande consapevolezza interiore è pur vero che essa va ricercata e coltivata, ci vuole uno sforzo se vogliamo capire chi siamo veramente e che non abbiamo nulla di diverso dagli altri.
Quindi se vogliamo farci spingere dal nostro stato interno, quando queste “perturbazioni” si palesano nella nostra autostima, è necessario considerare il cambiamento e interrogarci sulla nostra motivazione nel metterlo in atto.
Ci sono tanti modi per farlo, lo so. Per cominciare, al prossimo giorno di pioggia, non abbasserò l’ombrello.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.